Capitolo #1

La leggenda del “lucertolone verde”

Galleria
Gallicano
Gallicano, Monte Palodina

Le antiche leggende sono quelle che ci tramandano i nostri avi, fatte di credenze ataviche. A queste se ne affiancano di nuove, quelle metropolitane, e anche in Garfagnana – in cui non ci sono grandi città - vi è un luogo molto adatto al fiorire di queste ultime: si tratta del Monte Palodina, che dall’alto dei suoi 1171 metri divide le Valli della Turrite Cava e della Turrite di Gallicano, vero terrazzo naturale sulla Valle del Serchio. Il posto è da sempre frequentato da escursionisti, cercatori di funghi e cacciatori, e proprio uno di questi balzò - suo malgrado - agli onori della cronaca nel lontano 1987. Il fatto ha dell'incredibile ma ancor sono oggi in molti a ricordare G.F., il cacciatore che si trovò di fronte a un grosso essere squamoso alto più di due metri e con testa di rettile – di fronte al quale fuggì a gambe levate. La notizia fu ripresa dalla RAI e da allora il Palodina diventò una sorta di X Files. Seguirono molte indagini ma del lucertolone non rimase traccia, a testimonianza dell’accaduto non restò altro che il fucile del povero G.F., distrutto e stranamente piegato.

Capitolo #2

L'incredibile storia degli Gnomi della Palodina

Galleria
Gallicano, Monte Palodina
Gallicano, Monte Palodina
Gallican, San Iacopo

A riprova che questa montagna sia predestinata agli eventi soprannaturali, appena due mesi dopo la comparsa del lucertolone alcuni abitanti di Bolognana - piccola frazione di Gallicano - approfittando di una giornata di sole si addentrarono nei boschi del Monte, dove videro a una cinquantina di metri da loro alcuni esseri alti non più di 60 centimetri, intenti a raccogliere qualcosa dal sottobosco. Sentendo il rumore dei passi gli ometti - spaventati - con prontezza si sarebbero riuniti fra loro abbracciandosi in cerchio, per poi sparire rotolando lungo un pendio verso il fondo del bosco. Per quanto incredibile, la presenza degli gnomi fu in questo caso testimoniata da più di una persona.


Capitolo #3

Area 51 della Garfagnana

Galleria
Gallicano
Monte Palodina, inverno

Di questi fenomeni inusuali si ha notizia dagli anni ’70, quando sulla vetta del Monte fu avvistata per circa un’ora una piramide arancione; mentre nei primi anni ‘80 furono diverse le esperienze al limite della realtà. Da Gallicano per esempio un giorno sulla cima della montagna fu avvistato un oggetto pentagonale con otto luci colorate. Che dire poi di chi racconta di aver visto otto persone picchettare Pian di Lago con strumentazioni all'apparenza futuristiche per l'epoca? Dissero di essere lì per dei rilievi, poiché una volta quello sarebbe stato un vulcano... In tempi più recenti si narra di avvistamenti di elicotteri neri che spuntando dal buio illuminarono il bosco in cerca non si è mai saputo di cosa. Nel 2000 altri campeggiatori avvistarono degli esseri alti meno di un metro, che anche quella volta scapparono spaventati. Realtà? Fantasia? Non è dato saperlo. La Garfagnana resta una terra misteriosa che sembra aver evoluto il suo folklore attraverso storie che dalla cultura contadina paiono essersi trasformate in apparizioni futuristiche, facendo del Monte Palodina l'Area 51 di tutta la Toscana, presidiata per di più da strane creature.