Capitolo #1

La corte rinascimentale, scrigno elegante nel cuore della rocca

Negli ultimi decenni del Quattrocento il Marchese di Massa Iacopo Malaspina costruì, in più momenti, una residenza signorile nell’ambito delle strutture dell’antico castello medioevale arroccato sul colle, dando vita a un’opera ricca di suggestivi valori architettonici ed estetici.

Così, in lontananza, nulla traspare dagli imponenti bastioni che torreggiano su Massa dell’elegante bellezza racchiusa nella fortezza, e sempre un meravigliato stupore coglie il visitatore ogni qual volta varca la soglia del cortile rinascimentale.

È un fascinoso canto modulato nel candido marmo delle vicine Apuane che lo accoglie, nel contrasto conciliato con le rocce native e i grevi bastioni, ricchi di erbe spontanee, che dall’alto incombono sulla piazza gentile, dove i due pozzi dialogano come in contrappunto trobadorico di antiche melodie.

Capitolo #2

È di marmo il giardino segreto del tempo

Galleria
Finestra VA COL TEMPO, Castello Malaspina, Massa
Architrave SEQUITA EL TEMPO, Castello Malaspina, Massa
Architrave ASPETA EL TEMPO, Castello Malaspina, Massa
VA COL TEMPO, Castello Malaspina, Massa
Cortile rinascimentale, I due pozzi, Massa, Castello Malaspina

Sul fronte più antico del palazzo malaspiniano, che affaccia sulla corte ducale nel castello di Massa (raro esempio di sopravvissuta e accesa decorazione rinascimentale di esterno), quattro iscrizioni incise con caratteri fioriti sulla stretta fascia marmorea tra gli architravi e le cornici delle finestre, simili a un fregio continuo, svolgono un unico tema, cadenzandolo nei modi di una litania sacrale o di una sentenza oracolare:

SEQUITA EL TEMPO, ASPETA EL TEMPO, VA COL TEMPO, COL TENPO

Come se la dimensione temporale, Passato-Presente-Futuro, mancasse alla tematica naturalistica delle decorazioni per la loro completezza, e, come ricercandone il vero motivo e tema ispiratore, il TEMPO si mostrasse esplicitamente in tale forma del ciclico divenire, quale quint’essenza di quel microcosmo simbolico, graficamente titolo e, nel medesimo istante, firma dell’intera opera architettonica rinascimentale.

Le parole scolpite nel cortile dei Malaspina richiamano in toni sommessi un riflesso dell’intensa speculazione sulla tematica del divenire temporale, che così fortemente avviluppa e condiziona la realtà del vivere umano, e che occupa uno spazio indubbiamente importante nella ricerca filosofica dell’epoca, come, del resto, nella sua ansia poetica; entrambe colme di moderna inquietudine.

Capitolo #3

Pico della Mirandola e il motto misterioso

Galleria
Giovanni Pico della Mirandola
TEMPO, Castello Malaspina, Massa
DIE TIT DIE, Castello Malaspina, Massa
Cortile rinascimentale, Castello Malaspina, Massa
Castello Malaspina al tramonto, Massa

In quegli anni Giovanni Pico della Mirandola, partito dalla sua Ferrara per giungere alla corte medicea, aveva raggiunto la cugina Taddea, sposa del Marchese di Massa, al superbo castello, e lì aveva dettato le belle epigrafi di neoplatonica ispirazione, arricchendole di un ancor più segreto e misterioso motto latino: DIE-TIT-DIE, che solo occhi esperti e curiosi riescono a leggere inciso in un nastrino marmoreo sotto una graziosa sfera armillare.

Corte, giardino di pietre e di erbe, piazza privata, hortus conclusus con modeste pretese monumentali. Metafisico recesso della città e suo dolce e vero cuore, indifferente all’incerto moto di quel “tempo” imprigionato nel marmo dei suoi architravi. Frutto maturo di una conoscenza e una cultura artistica antiche.