Capitolo #1

La campagna

Galleria
Impruneta, campagna
Impruneta, campagna

Giunse finalmente il giorno in cui la famiglia si trasferì in campagna, a Impruneta, in una grande casa colonica ristrutturata. Il paese era molto carino, con una grande basilica, un alto campanile, e una stella rossa luminosa che la notte brillava nel cielo come una speranza perduta.

Arrivarono a metà pomeriggio, con la macchina piena come un uovo. I genitori scaricarono le valigie e si misero a sistemare le stanze. I bambini si lanciarono a perdifiato nei campi alla ricerca di avventura. Erano tre bimbi – due maschi e una femmina - nati e vissuti in città, che in un baleno scoprirono la vastità del cielo. Correndo per la campagna si trovarono davanti un edificio lungo e basso, da cui provenivano delle voci.

Capitolo #2

La fornace

Galleria
Marco Vichi legge Il Fuoco dell'Impruneta
Impruneta, fornace
Impruneta, fornace
Impruneta, fornace

Si avvicinarono, e passando sotto un arco di pietra entrarono in un ampio spazio pieno di uomini indaffarati e vestiti in modo strano. I bambini furono attratti da uno spettacolo singolare: in una parete di fronte a loro si apriva una vasta porta interamente ostruita con dei mattoni non murati che apparivano incandescenti, o è meglio dire che dalle fessure sprizzava una infuocata luce infernale e un immenso calore.


“Ehi bambini, cosa ci fate qui?” chiese un tipo con lo sguardo potente, che aveva l’aria del capo. Era vestito con una larga camiciona scura che gli arrivava fino alle ginocchia.
“Cos’è quella cosa?” chiese la bimba, la più piccola.
È una fornace
“A che serve?”
“A cuocere la terracotta” disse l’uomo, piegandosi sulle ginocchia davanti ai bambini.

Capitolo #3

La cupola del mondo

E cosa stai cuocendo?” chiese il bambino più grande.
“Sto cuocendo le tegole per coprire la cupola della chiesa più bella del mondo” disse l’uomo, sorridendo.
“E quale sarebbe?” chiese il fratellino di mezzo, che non voleva restare indietro. L’uomo si alzò in piedi, e con le mani disegnò lentamente in aria una cupola grandiosa, che ai bambini sembrò di vedere.
“La mia cupola… La cupola di Filippo…” mormorò, con un tono solenne e insieme beffardo. I bambini dilatarono gli occhi e dissero insieme Ooooohhh, impressionati soprattutto dallo sguardo folle dell’uomo. In quel momento si avvicinò un ragazzo, con addosso una casacca sporca.
“Messer Filippo, mi sa che ci siamo…” borbottò, rispettoso.
“Finalmente” disse Filippo.
Venite ad assaggiare, così potete dire se è di vostro gusto.”
“Quante ore?”
“Quasi undici…” disse il ragazzo.
Il pepe è abbondante?
“Abbondante…”
“Bene” disse Filippo, fregandosi le mani. I bambini stavano osservando la scena, cercando di capire di cosa stessero parlando. Alla fine fu la bimba a farsi avanti.
“Hai cotto la cupola del mondo?” disse, riassumendo un po’.
“Ancora no, ma almeno è pronta la cena” disse Filippo, e tutti scoppiarono a ridere. Anche i bambini si misero a ridere, contagiati da quella ciurma allegra, e un minuto dopo si ritrovarono seduti a un tavolaccio insieme a decine di operai inzaccherati e sudati e con le barbe lunghe, a mangiare in ciotole di legno uno spezzatino ricoperto di salsa. Filippo aveva gli occhi luccicanti, e s’incantava spesso a fissare il vuoto.

Fotografia di: Yari Marcelli